L’agenzia delle Entrate ha fatto sapere tramite un comunicato stampa che sta per spedire circa 60mila comunicazioni di esclusione dalla banca dati Vies, vale a dire l’anagrafe degli operatori autorizzati ad effettuazione operazioni “intracomunitarie”.

A ricevere la comunicazione saranno pertanto quei contribuenti che non hanno presentato almeno un elenco riepilogativo per quattro mesi consecutivi a partire dal primo trimestre 2015.

Non è ancora chiaro invece se oltre alla mancata presentazione dei modelli Intrastat, i destinatari della comunicazione d’esclusione potranno essere anche considerati apparentemente inattivi.

I contribuenti che riceveranno la comunicazione avranno 60 giorni di tempo per fornire chiarimenti all’amministrazione finanziaria ed evitare la rimozione dal Vies.

In ogni caso chi viene escluso può chiedere di essere nuovamente inserito ricorrendo ai servizi telematici (Entratel o Fisconline) oppure rivolgersi allo Studio.